Press "Enter" to skip to content

Come Preparare Riso alla Certosina

Il piatto da realizzare oggi è il riso alla certosina. Volendo, potete far cuocere il riso in una quantità d’acqua pari al proprio volume e lasciarla assorbire. Incorporatevi i gamberi, il passato e l’intingolo cinque minuti prima di togliere il riso dal fuoco, mescolando per amalgamare gli ingredienti.

Occorrente
500 g di gamberi di fiume
400 g di riso superfino
400 g di piselli freschi da sgusciare
200 g di funghi champignon
300 g di pomodori maturi
Uno spicchio d’aglio
Mezzo bicchiere di olio d’oliva
Sale

Nella prima fase lavate i gamberi, lessateli immergendoli in acqua salata in ebollizione e lasciateli cuocere per pochi minuti. Scolateli, staccate le code (tenetene un paio interi per guarnire), sgusciatele e dopo aver tolto il budellino terroso tenetele da parte. Mettete tutto quanto è rimasto, gusci e teste, in un mortaio.

Nella seconda fase, sgusciate i piselli immergendoli via via in acqua fredda. Mondate i funghi, lavateli con garbo, asciugateli e tagliateli a fettine. Pelate i pomodori (basterà immergerli per un istante in acqua in ebollizione) togliete i semi e tagliuzzateli. Fate rosolare in una casseruola l’olio con lo spicchio d’aglio, quando questo si è colorito toglietelo e buttatelo, mettete invece nel recipiente i pomodori, i funghi e i piselli ben scolati.

Salate, mescolate e lasciate cuocere a fuoco moderato, mescolando spesso e unendo, se necessario, poca acqua. Nella terza fase, nel frattempo pestate tutto quanto è nel mortaio, passate al setaccio il ricavato lasciando scendere il passato in un piatto da portata. Unitevi le code dei gamberi tagliate a fettine. Lessate il riso immergendolo in abbondante acqua salata in ebollizione. Nella quarta e ultima fase, a cottura ultimata scolatelo al dente e versatelo nel piatto da portata. Unitevi l’intingolo, i gamberi interi tenuti da parte e servite.

Be First to Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *